Una volta costituito il gruppo si può procedere con le seguenti fasi:

Convocazione dell’Assemblea Costituente con raccolta dei nominativi

Il gruppo di persone intenzionato a fondare la Pro Loco può esporre una convocazione dell’Assemblea Costituente. In occasione di questa dovranno essere raccolti i nominativi di tutti i presenti (nome, cognome, luogo data di nascita e numero di documento di identificazione).

Atto Costitutivo e approvazione dello Statuto

Nell’Assemblea Costituente il gruppo promotore illustra le motivazioni per la costituzione della Pro Loco e predispone un Atto Costitutivo. In Provincia di Trento non è richiesta alle Pro Loco né la costituzione con atto pubblico né la personalità giuridica: non è quindi necessario fare riferimento ad un notaio. Dopo la firma dell’Atto Costitutivo da parte di tutti i soci fondatori, il gruppo promotore deve proporre l’approvazione di uno Statuto.

Elezione delle cariche

Nella stessa occasione dell’approvazione dello Statuto è necessario dotare la Pro Loco dei propri organi. Di solito il gruppo promotore si propone all’Assemblea quale candidato ad assumere la funzione di Comitato Direttivo. Deve essere sempre e comunque possibile per i soci potersi candidare alla carica di consigliere.
Durante l’Assemblea Costituente devono essere eletti:

  • Comitato Direttivo (solitamente tra i 5 e i 9 componenti)
  • Collegio dei Revisori dei conti (3 componenti)
  • Collegio dei Probiviri (facoltativo)

La prassi vuole che il Presidente venga eletto tra i componenti del Comitato Direttivo nella prima riunione di quest’ultimo. È chiaro che questo dipende dalle disposizioni statutarie.