Postato alle da & nella sezione News.

carnevale mocheno

L’iniziativa “Carnevali della tradizione” promossa dall’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia, andata in scena il 4 marzo a Venezia, ha visto tra i 6 gruppi partecipanti il Betschato della Val dei Mocheni. Alla sua seconda edizione, sul palcoscenico di Piazza San Marco ogni lunedì grasso vanno in scena gruppi carnevaleschi tradizionali selezionati.

Al carnevale più famoso d’Italia, quest’anno si sono esibite: le “Maschere di Tricarico”; le “Meraviglie di Puglia – Carnevale Barocco alla Corte di Lecce”; i “Gruppi Boes e Merdules di Ottana”; il “Carnevale di Civitella di Romagna”; la “Corte di Re Bertoldo”; il “Carnevale di San Giovanni in Persiceto” e l’“Associazione Regaliamo un sorriso” da Grantorto (Padova).

 

carnevale mocheno
 

Tra i protagonisti anche il Betschato, centenario rito carnevalesco che gli abitanti di Palù del Fersina ripetono ogni anno a martedì grasso, da sempre riservato ad una comunità di poche centinaia di persone. L’irriverente riproposizione del rito ha visto la partecipazione delle tre maschere tipiche (il vecchio, la vecchia e il raccoglitore d’uova) accompagnate dalle danze e dalle musiche tradizionali.

 

È la prima volta che lo spettacolo mocheno esce fuori dai confini del paese (è stato portato una sola volta in Germania) perciò, oltre 80 mocheni erano presenti in Piazza San Marco rispondendo all’appello di partecipare a questo grande evento e rappresentare la loro tradizione; tra di loro i sindaci di Palù e di Fierozzo, i coscritti, il corpo di ballo e anche il parroco di Palù.
 

carnevale mocheno

 

Per Stefano Moltrer, sindaco di Palù del Fersina, è stato motivo d’orgoglio “poter mostrare a migliaia di persone il nostro carnevale, un esempio di carnevale alpino tradizionale, legato ai riti di buon auspicio per la bella stagione in arrivo. Un carnevale piccolo ma significativo, per la memoria ed il patrimonio immateriale che custodisce”.

 

L’evento è stato apprezzato dal presidente del Consorzio Pro Loco Valle dei Mocheni, Mauro Pintarelli, dalla presidente della Pro Loco di Palù del Fersina – Palai en Bersntol Helma Niederstettere e dal consigliere provinciale Devid Moranduzzo, presente in Piazza San Marco. Il vicepresidente del Consorzio Pro Loco Valle dei Mocheni Renzo Lenzi ha espresso, in diretta da Piazza San Marco, la propria soddisfazione per l’opportunità che i compaesani hanno colto; mentre Walter Moser, per il Consorzio Pro Loco Valle dei Mocheni, ha espresso grande soddisfazione per l’evento ringraziando la Pro Loco e la comunità di Palù del Fersina “ per aver risposto subito con entusiasmo alla proposta ”  e sottolineando l’importanza di aver partecipato al carnevale di Venezia perché “ha permesso di mettere in contatto due mondi distantissimi, uno fatto di piccole particolarità e di comunità raccolte, ed uno fatto di influenze diverse e globalizzazione”.
 

Al margine dell’esibizione, Antonino La Spina presidente dell’Unione Nazionale delle Pro Loco, ha commentato “i “Carnevali della tradizione” costituiscono una significativa testimonianza dello straordinario patrimonio culturale immateriale di cui è ricca l’Italia. Un tesoro che l’Unione delle Pro Loco valorizza e promuove, tutti i giorni. Un risultato importante conseguito grazie all’assessorato al turismo di Venezia, alla direzione del Carnevale e a tutti coloro che hanno sostenuto questa iniziativa”. Infatti, i “Carnevali della tradizione” si inseriscono nella complessiva opera di recupero, tutela e valorizzazione del patrimonio immateriale culturale avviata da tempo dall’Unione Nazionale delle Pro Loco: un’attività riconosciuta dall’Unesco presso cui l’Unpli è accreditata.
 

Il responsabile del dipartimento Patrimonio Culturale dell’UNPLI Fernando Tomasello spiega di aver ricercato, in questa seconda edizione, e “ centrato l’obiettivo di far parlare i valori delle Pro Loco, ossia la tradizione culturale, l’identità locale, la collaborazione, offrendo un palcoscenico assolutamente eccezionale al mondo del volontariato ”.
 

Infine, Paola Mar, assessore al turismo del Comune di Venezia, si unisce all’apprezzamento per la giornata del 4 marzo complimentandosi con UNPLI per l’” iniziativa di vera e propria rete culturale attraverso l’Italia delle tradizioni, proposta dalle Pro Loco, che dimostra come possa esserci una fruizione rispettosa della storia, dei luoghi, del nostro ricchissimo patrimonio ”.



Vuoi rimanere aggiornato su tutti gli eventi in Trentino? Iscriviti alla nostra newsletter!