Postato alle da & nella sezione News.

carnvale venezia

UNPLI porta a Venezia i carnevali tradizionali d’Italia.

E lo fa con la collaborazione delle Pro Loco, che il 4 marzo si danno appuntamento in Piazza San Marco per un pomeriggio tutto dedicato al folclore e alle usanze che da nord a sud uniscono lo stivale nella pazza gioia del Carnevale.

Sull’ambito palco ci sarà quest’anno anche il Trentino, presente con l’antichissimo carnevale di Palù del Fersina, in Val dei Mocheni.

 

Una collaborazione fruttuosa quella nata lo scorso anno tra la Città di Venezia e UNPLI (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) che, visto l’ottimo risultato ottenuto nella scorsa edizione, riporta sul palcoscenico di piazza San Marco cinque tra i più suggestivi carnevali regionali italiani. Tra i protagonisti di quest’anno anche il carnevale di Palù del Fersina della Valle dei Mocheni: su indicazione di UNPLI, la Federazione Pro Loco si è fatta promotrice dell’iniziativa, alla quale il Consorzio Turistico Valle dei Mocheni ha subito risposto “presente”” con la partecipazione della Pro Loco di Palù del Fersina che vedrà volontari e residenti giungere a Venezia per portare in scena il proprio Carnevale.

Per la prima volta, allora, l’antico rito dei “Betsche” (i “veci”) esce dalla sua cornice naturale per andare in scena, con un pò di emozione, sul grande palco veneziano. L’opportunità di vedere i “veci” cimentarsi nel consueto rito sul selciato di piazza San Marco rappresenta una novità tutta da scoprire, sia per gli stessi “attori” mocheni, sia per gli esigenti spettatori veneziani. Non sarà possibile riproporre l’intero rito, ma sarà comunque interessante cogliere il significato dei dialoghi tra i due protagonisti. Il contrasto tra i popolani vestiti mocheni e i raffinati travestimenti veneziani, i ritmi folkloristici delle musiche tradizionali e i misteriosi volti ricoperti, non dalle maestose maschere veneziane, ma solamente da fuliggine, sono solo alcuni degli elementi che accompagneranno il pubblico alla scoperta di questo tipico carnevale trentino. Per Palù del Fersina, la Valle dei Mocheni e tutto il Trentino, lo spettacolo si presenta come un’irripetibile occasione per essere al centro di uno degli eventi più attesi su scala nazionale.

 


CARNEVALE DI VENEZIA

Un tuffo nel passato, un incredibile viaggio nel tempo in memoria dei cinquanta anni dall’allunaggio, il Carnevale di Venezia si lascia trasportare da miti e leggende. Uno sguardo sognatore rivolto agli astri e alla luna che, con un velo di utopia, quest’anno decide di ispirarsi al motto shakespiriano “Tutta colpa della Luna, quando si avvicina troppo alla Terra fa impazzire tutti”.

La Luna diventa così una allegoria delle splendide maschere di questo Carnevale, che ormai da anni coinvolgono e seducono grandi e piccini. Perchè in fondo la Luna, con le sue fasi rispecchia il principio delle maschere, si mostra senza veli, così com’è, ma sempre illuminata dalla luce del sole che la rende brillante e misteriosa allo stesso tempo. Eppure è anche incredibilmente fugace, capace di celarsi al nostro sguardo attento, così come il Carnevale che tutti gli anni ritorna e ci ricorda il passare del tempo. La Luna, protagonista indiscussa della volta celeste, allora appare come la giusta metafora per il Carnevale stesso, perché non si smarrisce mai, non si dimentica mai di fare ritorno, bellissima e fiera.

La kermesse di quest’anno ricerca il giusto equilibrio tra tradizione e un pizzico di novità.

Si alterneranno poi appuntamenti ormai conosciuti e tanto attesi, con eventi costellati di fantasia capaci di accompagnare anche i sognatori più esigenti in incredibili viaggi fantascientifici.

A partire da sabato 23 febbraio fino a martedì 5 marzo, Piazza San Marco si trasforma in un palcoscenico straordinario, all’altezza di sfilate di maschere extra-vaganti, spettacoli spaziali e musica.

Domenica 24 febbraio e domenica 2 marzo, gli immancabili voli dal Campanile di Piazza San Marco. quest’anno il tradizionale Volo dell’Angelo assume una veste tutta nuova e il pubblico potrà assistere anche all’incredibile Volo del Guerriero, novità di quest’anno.

Domenica 2 marzo non mancherà invece il Volo dell’Aquila che, come da tradizione, vede la fantasmagorica discesa di un personaggio galattico dei giorni nostri.

Sabato 23 febbraio il palcoscenico di Piazza San Marco vedrà come protagoniste le 12 Marie selezionate per l’edizione 2019.

Giovedì “grasso” 28 febbraio sarà la volta della tanto attesa Ballata con l’immancabile taglio della testa al toro, a seguire venerdì “grasso” 1 marzo, vedrà i Signori della Notte mettere ordine nelle antiche lotte tra Nicolotti e Castellani.

Le maschere sfileranno ogni giorno per contendersi lo scettro di Maschera più Bella, sfilando sul maestoso palcoscenico ideato e disegnato dallo scenografo del Teatro La Fenice, Massimo Checchetto. La proclamazione della Maschera più Bella del Firmamento del Carnevale 2019, avverrà, come di consuetudine, domenica 3 marzo.

Non mancherà la musica, protagonista indiscussa anche di questa edizione, con le creative proposte di Home Venice per Red Bull.

Il Carnevale di Piazza San Marco si conclude martedì 5 marzo, con il tradizionale Svolo del Leon.

di Elisa Rimondini



Vuoi rimanere aggiornato su tutti gli eventi in Trentino? Iscriviti alla nostra newsletter!