Uno studente trentino sul podio di Salva la tua Lingua locale

29 gennaio 2019

Quando il patrimonio immateriale costituito dai dialetti viene tramandato non solo dagli adulti, ma anche dai ragazzi, l’emozione è ancora più grande.

 

Di Monica Viola | Centopaesi 2019.1

 

Generalmente si è portati a pensare che uno studente che frequenta il Liceo Classico, il Liceo Sociale o comunque un indirizzo di studio umanistico abbia più facilità a comporre poesie, prose o racconti. Ma quest’anno questo modo di pensare è stato smentito; infatti un allievo dell'Istituto Agrario di S. Michele all’Adige ha ricevuto, arrivando terzo ex equo, il premio proposto da L’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia e Legautonomie Lazio, in collaborazione con il Centro di documentazione per la poesia dialettale.

 

“Vincenzo Scarpellino”, il Centro Internazionale Eugenio Montale e l’EIP – “Scuola Strumento di Pace”, ha raccolto l’entusiasmo della professoressa di lettere, Eliana Gruber, e ha raccontato in dialetto trentino le emozioni e l’attaccamento al suo territorio (Besenello) scrivendo una bella poesia dedicata a Castel Beseno.

 

Ho avuto il piacere di trascorrere qualche momento insieme a Denis e alla sua professoressa, ed è stato bello vedere l’attaccamento alla professione da parte dell’Insegnante che mi ha raccontato come è venuta a conoscenza di questo importante Premio (attraverso un corso di formazione per docenti) e come con sorpresa ha ricevuto la poesia scritta da Denis che frequenta il terzo anno del corso tecnico di S. Michele. Vedere la stima che l’allievo ha nei confronti della sua docente, di come si confrontano tra loro, lo scambio di pensieri e considerazioni mi ha fatto ben sperare per il futuro, che non è fatto solo di ragazzi sfrontati e docenti mediocri. Oltre a Denis ha ricevuto una menzione speciale anche la professoressa Gruber per essersi distinta per la competenza linguistica e l’attiva collaborazione con la scuola e il territorio.

 

Per noi volontari delle Pro Loco, noi che viviamo il territorio, le sue tradizioni, le particolarità, noi che con passione cerchiamo di tramandare la storia della nostra terra, è stato un grande onore accompagnare Denis e la Professoressa Eliana Gruber a ricevere questo riconoscimento, sperando che sia il primo di tanti e che la collaborazione tra le Pro Loco e Scuole, tra tradizioni e futuro cresca sempre più, per far sì che questa nostra Terra sia amata e rispettata come deve essere.  

 

 

                    EL CASTEL BESENO

 

                    Ai pei del castél

                    gh’è en piccolo paesèl,

                    vizim al castèl

                    gh’è en capitèl.

                    Tut entorno en stradèl,

                    davanti gh’è en gran portòn,

                    che riciama eni de pasiòn.

                    Quando te vai dentro

                    te se enlumina i òci

                    e te se daverze el còr.

                    L’è na grande emozion.

                    El prà dei tornei, i muri e i cancèi

                    tra i bastioni e la sò maestosità,

                    nel verder zò la val,

                    te senti la paze che el te dà,

                    te senti na magia

                    che co la testa te voli via

                    en den pasà che l’è nà e nol tornerà.

 

categorie di questo articolo:

- Patrimonio immateriale