Il castagno secolare di Camparta: uno stimolo per arricchire la comunità

03 marzo 2021

La Pro Loco Cà Comuna del Meanese ha curato un progetto diretto alla salvaguardia e alla valorizzazione del tronco di un castagno secolare che nel 2007 è stato tagliato per poi essere inserito all’interno del parco di Meano.
Grazie anche al prezioso contributo dei ragazzi in servizio civile, sono state attivate varie iniziative che hanno coinvolto la propria comunità, dai bambini agli adulti, riuscendo a trasformare il tronco, prima abbandonato, in un portatore di storia e memorie passate. Per scoprirne di più, abbiamo intervistato Francesca Corradini, ragazza in servizio civile alla Pro Loco.

 


Com’è nato il progetto “Il castagno di Camparta”?

 

L’idea è nata dalla volontà della Pro Loco di valorizzare al meglio il castagno secolare di Meano, il cui tronco è stato depositato presso il Parco della Madonnina, mentre una sezione orizzontale è installata all’entrata della circoscrizione del paese.
Da anni, il tronco del castagno versava in condizioni di abbandono, non vi erano didascalie esplicative e nessuna forma di protezione. Solo un video che veniva proiettato su una parete in circoscrizione, ma poi si è danneggiato e non si è più fatto nulla. Così, noi della Pro Loco abbiamo preso in mano la situazione e abbiamo cercato un modo per conservarlo e valorizzarlo.

 


Una vita lunga 270 anni, poi nel 2007 si decise di tagliarlo. Si conosce il motivo?

 

La decisione di tagliare l’albero è stata presa per una questione di viabilità: si è mostrato necessario agevolare il passaggio della strada comunale che porta da Camparta media a Villa Oss Mazzurana.

 


Il castagno è soprannominato il “Castagno di Napoleone”. Che cosa si racconta?

 

Vi è una leggenda che ha come protagonista Napoleone: si narra che, durante la Battaglia di Lavis del 1796, il generale francese si sia fermato proprio sotto questo castagno per riposare e osservare il paesaggio circostante e le truppe in combattimento. Da Camparta, infatti, si ha un’ampia visuale di tutta la vallata, da Zambana fino quasi a Gardolo. La leggenda, che però potrebbe essere benissimo la realtà, ci è stata raccontata da un conoscitore del territorio di Meano, Claudio Debiasi: la storia gli era stata tramandata a sua volta da un cugino della madre, Padre Gottardo Gottardi, frate francescano e insegnante presso il Liceo di Romeno (TN).
Esiste anche una stampa ad acquerello che testimonia la battaglia di Lavis: si tratta di una stampa di Giuseppe Pietro Bagetti, un pittore torinese incaricato di seguire l’esercito francese sul campo al fine di documentare visivamente la prima campagna di Napoleone in Italia. L’acquerello mostra il momento decisivo della battaglia e le truppe napoleoniche che avanzano lungo il ponte sull’Avisio.

     

 

 

Quali sono le attività legate alla valorizzazione del castagno?

 

Come strumenti di divulgazione, abbiamo pensato alla realizzazione di documentari e pannelli illustrativi che spiegano la storia e le caratteristiche del castagno. 

Marco Bertini, un agricoltore della zona, ha presentato le bellezze del suo castagneto in un documentario molto interessante, a cui ha partecipato anche l’agroecologo Stefano Delugan. L’obiettivo è stato quello di conoscere la vita dell’albero di castagno, le tecniche, gli interventi di manutenzione e di cura, la raccolta e la lavorazione delle castagne.

In circoscrizione sono visibili due pannelli che raccontano la storia di Napoleone, la Battaglia di Lavis e la tecnica della dendrocronologia, il sistema di datazione degli alberi basato sul conteggio degli anelli presenti sulla sezione orizzontale del tronco.

Infine, è riportato un articolo di giornale del 2011 dedicato proprio al castagno.

 

 

 

Oltre a questi strumenti, si è pensato di coinvolgere anche i bambini dell’asilo nido e della scuola materna del paese. 
In primo luogo si è organizzato un percorso nell’Orto in Villa di Meano con l’esperto Stefano Delugan, il quale ha spiegato le componenti del castagno. 
Inoltre, sono state ideate delle attività ludico-didattiche rivolte a tutti i bambini con il fine di comunicare tematiche ambientali e storiche. Ciò è stato possibile grazie al coinvolgimento dell’attrice Manuela Fischietti dell’Associazione teatrale “Rifiuti Speciali”, la quale, attraverso una lettura animata, ha rievocato la storia del castagno impersonificando la figura storica di Napoleone.
A causa dell’emergenza sanitaria, alcune iniziative non si sono potute svolgere in presenza; per questo motivo, si è avviata una corrispondenza con tre classi della scuola dell’Infanzia “M. R. Giobatta Partelloni” per raccontare le vicende dei personaggi fiabeschi che abitano nel castagno di Camparta. La corrispondenza è stata anche accompagnata dalla consegna alla scuola di cestini contenenti materiale organico come castagne, ricci e foglie, utilizzato come stimolo per realizzare meravigliose creazioni.

 

 

Il progetto proseguirà in futuro?

 

Abbiamo un accordo con il servizio Beni Comuni del Comune di Trento ed insieme a loro si vedrà come procedere. Probabilmente il prossimo autunno, durante il periodo delle castagnate, si cercherà una forma per introdurre nuovamente il progetto e coinvolgere i locali del meanese (cosa che non è stata possibile a causa del Coronavirus). In seguito è prevista una valorizzazione e una protezione del tronco, per le quali stiamo ancora cercando soluzioni adeguate. 

 


Grazie alla Pro Loco Cà Comuna del Meanese, dunque, il castagno di Camparta si mostra come una ricchezza, un’interessante possibilità per salvaguardare il territorio, la storia locale e una memoria orale. Ciò che è importante è anche l’intenzione di proseguire nel tempo il progetto, ricercando la partecipazione attiva della comunità.
 

                                                 

categorie di questo articolo:

- Patrimonio immateriale

Ti potrebbe interessare anche:

[{"cachedModel":false,"columnBitmask":"0","companyId":"114284","createDate":1615362439076,"entityCacheEnabled":true,"entryId1":"1159845","entryId2":"720441","escapedModel":false,"finderCacheEnabled":true,"linkId":"1179072","modelClass":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","modelClassName":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","new":false,"originalEntryId1":"1159845","originalEntryId2":"720441","originalType":0,"primaryKey":"1179072","primaryKeyObj":"1179072","type":0,"userId":"718057","userName":"Unpli Trentino","userUuid":"267ca98e-4d7c-a4be-3b46-7712393dee7c","weight":0},{"cachedModel":false,"columnBitmask":"0","companyId":"114284","createDate":1615362439082,"entityCacheEnabled":true,"entryId1":"1159845","entryId2":"910037","escapedModel":false,"finderCacheEnabled":true,"linkId":"1179074","modelClass":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","modelClassName":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","new":false,"originalEntryId1":"1159845","originalEntryId2":"910037","originalType":0,"primaryKey":"1179074","primaryKeyObj":"1179074","type":0,"userId":"718057","userName":"Unpli Trentino","userUuid":"267ca98e-4d7c-a4be-3b46-7712393dee7c","weight":0},{"cachedModel":false,"columnBitmask":"0","companyId":"114284","createDate":1615362439086,"entityCacheEnabled":true,"entryId1":"1159845","entryId2":"916674","escapedModel":false,"finderCacheEnabled":true,"linkId":"1179076","modelClass":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","modelClassName":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","new":false,"originalEntryId1":"1159845","originalEntryId2":"916674","originalType":0,"primaryKey":"1179076","primaryKeyObj":"1179076","type":0,"userId":"718057","userName":"Unpli Trentino","userUuid":"267ca98e-4d7c-a4be-3b46-7712393dee7c","weight":0},{"cachedModel":false,"columnBitmask":"0","companyId":"114284","createDate":1618319611104,"entityCacheEnabled":true,"entryId1":"1159845","entryId2":"1276943","escapedModel":false,"finderCacheEnabled":true,"linkId":"1283074","modelClass":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","modelClassName":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","new":false,"originalEntryId1":"1159845","originalEntryId2":"1276943","originalType":0,"primaryKey":"1283074","primaryKeyObj":"1283074","type":0,"userId":"718057","userName":"Unpli Trentino","userUuid":"267ca98e-4d7c-a4be-3b46-7712393dee7c","weight":0},{"cachedModel":false,"columnBitmask":"0","companyId":"114284","createDate":1633610278946,"entityCacheEnabled":true,"entryId1":"1159845","entryId2":"2175775","escapedModel":false,"finderCacheEnabled":true,"linkId":"2176463","modelClass":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","modelClassName":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","new":false,"originalEntryId1":"1159845","originalEntryId2":"2175775","originalType":0,"primaryKey":"2176463","primaryKeyObj":"2176463","type":0,"userId":"718057","userName":"Unpli Trentino","userUuid":"267ca98e-4d7c-a4be-3b46-7712393dee7c","weight":0}]
Via Claudia Augusta: una strada per l'inclusività
vedi
Il nostro personaggio di oggi è... Giusi!
vedi
Orto in Villa, uno scrigno tutto da scoprire
vedi