Ministorie di volontari: Pro Loco di Cavedine

21 gennaio 2021

Essere volontario Pro Loco vuol dire..... trovare il proprio posto, se non nel mondo, almeno nella squadra di cui facciamo parte! Lo sanno bene i ragazzi della Pro Loco di Cavedine. 

Ecco i loro personaggi!

 

"La Piccolina" sempre attiva, sempre pronta a saltare su e giù, di là e di qua. Se c'è da sporcarsi le mani non ci sono problemi: pile anni '80 e guantoni da lavoro, sfoggia il suo sorriso contagioso e non la ferma più nessuno.

 

 

 

 

 

 

Anna, tutta panna! Si, perché lei è della stessa consistenza, morbida, ma con gusto deciso. Non riempie la Pro Loco di parole ma di fatti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Polenta Man" il suo contributo al gruppo viene ripagato con mega porzioni di polenta che lui stesso prepara a dovere, ma non pensate ci sia solo la panza... è un 1 metro e 94 di pura sostanza!

 

 

 

 

 

 

 

Bach entra in Pro Loco con l’obiettivo di agguantare la stella Michelin, 2 giorni dopo via posta ne riceve 3 direttamente. Sbalordente! Farebbe soggezione perfino a chef Rubio.

 

 

 

 

 

 

 

 

Lello colui che dirige questa ciurma di pazzi scatenati. Se voi andate in giro da qualche parte e dite alla prima persona che incontrate che conoscete il Lello state sicuri che, da Sfruz a Ronzo Chienis lo conoscono tutti.

 

 

 

 

 

 

 

Bepo, fisico da sollevatore di polvere, ma testa sopraffina. Sa preparare le carte per carnevale, primo maggio, Ferragosto, mercatini, tutto contemporaneamente, e questo solo con la mano destra

 

 

 

 

 

 

 

 

Zinni essendo plurisecolare vanta una saggezza mai vista sul territorio nazionale. Re Zinni riesce a recitare tutti i teoremi al contrario mentre scrive contemporaneamente con le mani i premi del vaso della fortuna, ovviamente in arabo ma partendo da sinistra.

 

 

 

 

 

 

"L'affarista" il più alto del gruppo. Solitamente addetto al vaso della fortuna, non sbaglia un colpo, ottimo affarista.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fippo riesce a fare qualsiasi cosa. Se vi girate potrebbe essere al vostro fianco mentre leggete questo pezzo. Nel frattempo, probabilmente, vi avrà già cambiato la cinghia di distribuzione del veicolo parcheggiato in garage.

 

 

 

 

 

 

Alice la sua indole la porterà a farvi delle domande, e ancora domande, e ancora domande, cosicché la vostra pausa sarà andata su per il camino. Nascondetevi.

 

 

 

 

 

 

 

 

Marietto sempre il primo ad arrivare alle riunioni e agli appuntamenti, l’ultimo ad andarsene. Si distrae difficilmente, ligio al dovere, anzi prima il dovere poi il piacere.

 

 

 

 

 

 

 

Dani l’uomo dalle poche parole ma dai fatti concreti. Si dice di lui che sia di una bontà d’animo talmente elevata che San Francesco si sia tatuato il suo volto sul braccio secoli orsono.

 

 

 

 

 

 

 

"Predator": Maschio alpha a tutti gli effetti, non sciupiamo la sua morbida pelle, anzi, scodega, perché serve ad altro...inebriare, roar.

 

 

 

 

 

 

 

 

Teo: talento portentoso, marcia in più per il gruppo, risponderebbe alla chiamata anche alle tre di notte.. e non è detto che non sia già in giro!

 

 

 

 

 

 

 

 

Snoopy il nostro dj del cuore. Quando viene a montare l’impianto sembra di vedere i ragazzi anni ‘80 con lo stereo sulla spalla.

 

 

 

 

 

 

 

 

Sarotti sempre disponibile e sul pezzo, quello che le dici di fare fa, senza se e senza ma... occhio raga, Sara è armata fino ai denti e resta sempre una leonessa.

 

 

 

 

 

 

 

 

Elisa rompe sempre alle riunioni perché vuole fare mille cose. Una volta voleva perfino comprare una mucca.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                 Il direttivo della Pro Loco di Cavedine

categorie di questo articolo:

- Storie dei volontari