Quello che ci completa, e che ora ci manca

Enrico Faes
10 marzo 2020

Per chi come me dedica una parte del suo tempo alle Pro Loco, la vita associativa non è solo una passione ma un’esigenza profonda: è quello che ho capito in questi giorni così particolari

 

Editoriale a cura di Enrico Faes, Presidente Federazione Trentina Pro Loco e loro Consorzi

 

Cari soci,

 

mi trovo a scrivere questo editoriale da casa, bloccato in telelavoro a causa dell’emergenza Coronavirus che ci ha messi tutti in ginocchio.

 

L’occasione però capita a fagiolo perchè, rispolverando un pensiero già espresso in qualche editoriale, è nell’impossibilità a fare (o vedere) le cose che si capisce quanto alcune di esse, a volte, siano davvero importanti.

 

Così mi capita di pensare a questo mondo surreale con le Pro Loco ferme ai box, per necessità e per ovvie ragioni sanitarie. Che tristi le nostre comunità senza l’allegria delle Pro Loco; che silenziose le nostre sedi, i nostri parchi, le vie e gli angoli dei nostri paesi, diventati, tutto d’un tratto, come delle tombe.
Anche se molti di noi, come me, stanno riversando nelle relazioni familiari tutte le necessarie e doverose attenzioni, viene da esprimere un senso di incompletezza nel non poter condurre la vita associativa, nel non poter incontrare come al solito gli amici del direttivo o i colleghi volontari.  Ci sentiamo a disagio quando le cose che ci completano vengono meno ed io, in questi giorni, nel profondo del mio essere, percepisco questa incompletezza. Se questo vale anche per voi, nel profondo di un pensiero che riversa la priorità all’emergenza (sia ben inteso), allora significa che il nostro essere dentro la comunità è reale, che lo spirito che ci muove nel fare per gli altri è integro e sano.

 

Rimane, ovviamente, la positività del pensiero che “tutto andrà bene” e che, a breve, si possa ritornare a farsi completare dall’attivismo del volontariato turistico. E’ ciò che ci deve sostenere in questi giorni di chiusura; è l’energia che ci deve muovere per fare in modo che la ripresa delle attività nei nostri comuni diventi ancora più ricca e bella.

 

Le Pro Loco, nelle difficoltà, sanno sempre dare il meglio: sono convinto che anche, soprattutto, in questa occasione le pro loco trentine sapranno dare la giusta risposta.

categorie di questo articolo: