La treccia mòchena

27 maggio 2021

Pasta brioche, crema pasticciera e confettura di mirtilli: questa esplosione di sapori arriva dalla Val dei Mòcheni


 

Uno dei dolci caratteristici del Trentino è la treccia mòchena, originaria della Val dei Mòcheni, da cui appunto deriva il nome. A differenza di molte altre ricette trentine, questo dolce non fa parte della nostra tradizione culinaria da secoli. La treccia mòchena, infatti, è stata sperimentata per la prima volta negli anni Novanta da un panettiere di Canezza, sulla base di un’antica ricetta locale. Nonostante la recente “invenzione”, questo piatto squisito è entrato a gran voce nelle cucine della valle trentina e non solo...

 

Oggi raccontiamo la versione di Agnese, che è stata la presidente della Pro Loco di Sant’Orsola per molti anni. 

 

 

Procedimento:

 

- Prendere 60/70 grammi di farina e sistemarla a fontanella, nel mezzo mettere il lievito e acqua e mescolare finché diventa una pastella morbida e farla lievitare in un posto caldo;

- A parte formare un’altra fontanella con la rimanente farina, aggiungere il sale, lo zucchero sciolto un qualche goccia d’acqua e le uova. Mescolare bene per circa 15 minuti;

- Incorporare al secondo impasto il burro morbido e lavorarlo delicatamente;

- Aggiungere il primo impasto lievitato al secondo e mescolare il tutto per 10 minuti;

- Mettere in una terrina e lasciare lievitare per 5 ore. Impastare nuovamente il tutto e mettere a riposare in frigorifero per tutta la notte. Il giorno dopo l’impasto è pronto;

- Tirare la pasta, formare un rettangolo, tagliare i bordi laterali a striscioline che serviranno per fare l’intreccio; al centro mettere la marmellata, la crema o le mele a vostro piacimento;

- Chiudere i lati unendo le striscioline a destra e a sinistra formando l’intreccio;

- Spennellate con l’uovo e lasciate lievitare la treccia per 30 minuti;

- Infornare a 180° per 30 minuti.

categorie di questo articolo:

- Patrimonio immateriale

Ti potrebbe interessare anche:

[{"cachedModel":false,"columnBitmask":"0","companyId":"114284","createDate":1621946442849,"entityCacheEnabled":true,"entryId1":"1427283","entryId2":"746468","escapedModel":false,"finderCacheEnabled":true,"linkId":"1427366","modelClass":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","modelClassName":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","new":false,"originalEntryId1":"1427283","originalEntryId2":"746468","originalType":0,"primaryKey":"1427366","primaryKeyObj":"1427366","type":0,"userId":"718057","userName":"Unpli Trentino","userUuid":"267ca98e-4d7c-a4be-3b46-7712393dee7c","weight":0},{"cachedModel":false,"columnBitmask":"0","companyId":"114284","createDate":1621946442859,"entityCacheEnabled":true,"entryId1":"1427283","entryId2":"757146","escapedModel":false,"finderCacheEnabled":true,"linkId":"1427368","modelClass":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","modelClassName":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","new":false,"originalEntryId1":"1427283","originalEntryId2":"757146","originalType":0,"primaryKey":"1427368","primaryKeyObj":"1427368","type":0,"userId":"718057","userName":"Unpli Trentino","userUuid":"267ca98e-4d7c-a4be-3b46-7712393dee7c","weight":0},{"cachedModel":false,"columnBitmask":"0","companyId":"114284","createDate":1621946442864,"entityCacheEnabled":true,"entryId1":"1427283","entryId2":"1113111","escapedModel":false,"finderCacheEnabled":true,"linkId":"1427370","modelClass":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","modelClassName":"com.liferay.asset.kernel.model.AssetLink","new":false,"originalEntryId1":"1427283","originalEntryId2":"1113111","originalType":0,"primaryKey":"1427370","primaryKeyObj":"1427370","type":0,"userId":"718057","userName":"Unpli Trentino","userUuid":"267ca98e-4d7c-a4be-3b46-7712393dee7c","weight":0}]
Gli gnocchi di Agnese
vedi
Kiachl o Straboi
vedi
I kròpfen
vedi