Un’occasione da cogliere per crescere: il tirocinio di Angela

28 dicembre 2020

di Angela Dalpiaz, in tirocinio in Federazione dall'1 luglio 2020

 

Alla fine di questi quattro mesi mi appresto a raccontare la mia esperienza di tirocinio in Federazione vissuta con tanto entusiasmo. 

 

 

Inizio questo resoconto presentandomi: sono Angela Dalpiaz, ho 25 anni e sono laureata in Lingue per la Comunicazione Turistica e Commerciale presso l’Università di Verona. Nel 2019, conseguita la laurea magistrale con soddisfazione, ho iniziato ad interfacciarmi con il mondo del lavoro e ho capito fin da subito che non sarebbe stato facile entrarci e “trovare il proprio posto”. 

 

Così dopo alcuni mesi di ricerche, ho deciso di iscrivermi a Garanzia Giovani, che mi avrebbe dato la possibilità di svolgere un tirocinio. A giugno infatti, dopo la sospensione del primo tirocinio a causa del Lockdown, ho ricevuto la chiamata della Federazione Trentina delle Pro Loco e loro Consorzi, che ho accettato. 

All’inizio ero un po’ intimorita, perché non sapevo cosa aspettarmi, soprattutto in un momento generale così difficile. Le prime settimane, infatti, sono state una scoperta quotidiana verso un mondo di cui avevo sentito parlare, ma che non avevo avuto il piacere di vivere. Ho avuto modo di rendermi conto di cosa si nascondesse all’interno delle Pro Loco e la forza di volontà dei tanti volontari, che si prendono cura delle proprie comunità. Ricordo la passione nella voce dei componenti delle stesse che abbiamo avuto il piacere di intervistare. 

 

Sì, dico abbiamo, perché assieme a me lavoravano due ragazzi in Servizio Civile presso la Federazione, che sono stati degli eccellenti compagni di “viaggio”. Grazie alla collaborazione con Sabrina ed Alessio, ho finalmente riconosciuto l’importanza del team working: scambio di idee e aiuto reciproco. Essendo in tre abbiamo potuto dividerci i compiti al meglio, ma soprattutto abbiamo saputo consigliarci e sostenerci a vicenda durante il lavoro quotidiano anche da remoto. Non si contano i file condivisi, i link girati, le foto scambiate per trovare i giusti contenuti da pubblicare che mostrassero a tutti il bellissimo mondo delle Pro Loco.

 

Inoltre ho avuto il piacere di progettare assieme alla Federazione la rubrica del lunedì “Salva la tua lingua locale” e dare un piccolo contributo alla realizzazione di #prolocodavivere, grazie all’ideazione di contenuti che durante questi mesi vedrete pubblicati sui canali social. Mi raccomando non esitate, cliccate anche voi sul sito e saziate ogni vostra curiosità. 

 

Alla fine di questa esperienza, voglio ringraziare tutte le persone che mi hanno permesso di svolgerla, di superare la mia iniziale timidezza e i miei dubbi. Durante questo periodo ho imparato molte cose, la prima è che si può crescere e migliorare ogni giorno e che ognuno di noi è un piccolo tassello che dona colore ad un quadro, in questo caso quello delle Pro Loco Trentine. Fermatevi anche voi, se ne avrete l’opportunità, ad osservarlo. 

 

categorie di questo articolo:

- Storie del servizio civile

Ti potrebbe interessare anche:

Crescita, aspettative, voglia di fare: il Servizio Civile di Sofia
vedi
Valorizzare al massimo i beni culturali e naturalistici: il Servizio Civile di Irene
vedi
Servizio Civile nelle Pro Loco: qualche riflessione
vedi