Festa all'aperto con spettacolo

Festa all'aperto con spettacolo e con presenza di modeste strutture (MOD. GIALLO)

Si tratta di una tipologia di festa in cui sono ammessi alcune tipologie di modeste strutture (non sono installati tendoni, coperture (ad esclusione di quelle sopra il palco riservato agli artisti), tribune e simili; possono essere installate le seguenti strutture: pedane (esclusivamente non coperte) a disposizione del pubblico, plachi coperti a disposizione dei soli artisti, americane, piccoli gazebo isolati (misura massima: 3x3 mt) con le prescrizioni riportate nel MODELLO GIALLO

 

Documentazione necessaria:

  1. Iniziare a predisporre documentazione almeno 30 giorni prima della festa;
  2. Nuova S.C.I.A. per spettacoli dal vivo (di teatro, di musica, di danza e  musical, NON ATTIVITA' DI BALLO/DISCOTECA) in orario compreso fra le 8.00 e e 23.00 con un massimo di 1.000 partecipanti all'aperto e 500 al chiuso, ma comunque nel rispetto dei limiti orari agli spostamenti e di quanto disposto da art. 38-bis D.L. 76/2020;
  3. Se volete far proseguire la festa oltre le 23.00, la nuova S.C.I.A. sopra citata va sostituita con la domanda di autorizzazione a polizia amministrativa per spettacoli e intrattenimenti pubblici (attenzione che non è permesso ballare) (l'orario di chiusura riportato in domanda è quello scritto sulla deroga inquinamento acustico rilasciata dal comune). Va presentata in marca da bollo (2 marche da bollo da 16,00 euro). Le Pro Loco APS ne sono esenti. Va riportata la dicitura "esente da bollo ai sensi art. 82 comma 5 del D. Lgs. 117/2017";
  4. Allegare informativa privacy;
  5. Stesura del Piano gestione sicurezza minimale per manifestazioni con massimo 200 persone presenti contemporaneamente (vedi fac- simile);
  6. Stesura del Piano gestione sicurezza più strutturato per manifestazioni con più di 200 persone presenti contemporaneamente (vedi fac-simile);
  7. Fotocopia del documento d’identità del richiedente;
  8. Modello giallo: attestazione firmata da organizzatore e da tecnico abilitato;
  9. Dichiarazione controllo tecnico che redige un tecnico abilitato al termine dell'installazione delle strutture e prima dell'inizio della manifestazione. Il DCT giallo va tenuto presso la struttura per ogni eventuale controllo;
  10. Invio a Questura del modulo di preavviso di pubblica manifestazione;
  11. Invio del Piano gestione sicurezza a questura, polizia amministrativa, carabinieri ed alla polizia municipale;
  12. S.C.I.A. di somministrazione temporanea di alimenti e bevande da presentare al comune di competenza (modulo reperibile al sito www.modulistica.comunitrentini.tn.it);
  13. Informativa privacy (vedi il sito del comune a cui è indirizzata richiesta);
  14. Richiesta al comune del nulla osta in materia di prevenzione inquinamento acustico;
  15. Smaltimento rifiuti: contattare il comune di competenza;
  16. Richiesta al comune dell’autorizzazione all’occupazione di suolo pubblico;
  17. Dichiarazione di messa a disposizione dell’area per lo svolgimento della manifestazione da parte del privato (se ricorre il caso);
  18. Richiesta al comune di emissione dell’ordinanza di chiusura al transito veicolare;
  19. Richiesta al comune di emissione dell’ordinanza di divieto di sosta;
  20. Pagamento di eventuali imposte comunali: pubbliche affissioni, occupazione suolo pubblico, ecc…;
  21. Allegato C: comunicazione all’Azienda Provinciale  per i Servizi Sanitari di competenza di svolgimento di manifestazione occasionale in cui vi sono attività di produzione, somministrazione o vendita di alimenti, organizzata da soggetti diversi da imprese alimentari (associazioni di volontariato, sportive, Pro Loco, Parrocchie, ecc.);
  22. Presentare modulo per organizzazione e per assistenza sanitaria negli eventi e nelle manifestazioni programmate all‘Unità Operativa Trentino Emergenza 118 – Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari;
  23. Piano di autocontrollo Haccp;
  24. Qualora sia prevista la somministrazione di alcolici è necessario l’alcol test con indicazione dell’ ubicazione dello stesso, l’esposizione delle tabelle (quantità e sintomi) e dei cartelli di divieto di somministrazione alcolici ai minorenni;
  25. In alcuni casi potrebbe venire richiesta la tabella degli ingredienti, soprattutto per verificare la presenza di allergeni;
  26. Siae – Soundreef/Lea;
  27. Protocollo Covid.